Archivio Storico

Nel 2006 l'Amministrazione Comunale, in convenzione con i Comuni di Bonemerse, Gadesco Pieve Delmona e Malagnino, ha deliberato l' intervento per il completo riassetto dell'archivio storico comunale della sezione 1755-1897.
La decisione è stata maturata nella consapevolezza che l'investimento nel mantenimento della memoria della comunità sia un atto dovuto ai cittadini di Sospiro. La legge prevede, infatti, che i Comuni e gli enti tutti conservino in buon ordine il proprio archivio, sia storico sia degli anni recenti, e che si adoperino perché esso possa divenire strumento di cultura.
Oltre la legge, l'archivio comunale rappresenta una risorsa culturale senza la quale l'identità della comunità uscirebbe svilita e appannata. Il progetto, suddiviso in cinque lotti di lavoro, ha come scopo quello di riordinare il patrimonio documentario storico del comune attraverso: - l’individuazione di soluzioni tecniche di arredo per la conservazione e valorizzazione della documentazione; - il riordino e inventariazione della documentazione storica, creando la sezione separata d’archivio; - la redazione dell’inventario per ogni singolo fondo archivistico. Al termine dei lavori l'Amministrazione comunale prevede una collocazione diversificata dei materiali. La sezione storica 1755-1897 troverà, quindi, idonea sistemazione in una sala del Municipio appositamente arredata, dove il patrimonio sarà reso disponibile a quanti per studio e ricerca, vorranno consultarlo.

 

PROGETTO DI RIORDINO E INVENTARIAZIONE DELL'ARCHIVIO COMUNALE DI SOSPIRO SEZIONE 1755-1897

 

Situazione attuale
La sezione 1755-1897 dell'archivio comunale di Sospiro conserva i seguenti fondi documentari:
- Comune di Sospiro
- ex Comune di Longardore (archivio chiuso)
- ex Comune di San Salvatore (archivio chiuso)
- Congregazione di carità di Sospiro (archivio chiuso)
- Opera pia Brumani (archivio chiuso)
- Giudice conciliatore (archivio chiuso)

Attualmente la documentazione è collocata in un locale all’ultimo piano del palazzo municipale. Complessivamente il materiale documentario è raccolto in 320 scatole di legno ed è organizzato per titoli e in serie aperte. Le condizioni conservative delle carte sono buone, fatta eccezione per i numerosi tagli o strappi rinvenuti sui documenti per il recupero di francobolli. Fogli di cellophan coprono e riparano le buste dalla polvere. L’archivio è correlato da un inventario sommario compilato nel 1950.

Intervento previsto

I lavori hanno preso il via dal momento in cui è stato approvato il progetto da parte della Soprintendenza Archivistica per la Lombardia. Le attività di riordino e inventariazione dell’archivio si sono sviluppati in momenti diversi, secondo una successione di fasi logico - temporali. Prima di procedere all’intervento sulle carte si è proceduto alla raccolta degli elementi necessari alla sommaria ricostruzione più recente dell’ente che ha prodotto l’archivio, della sua organizzazione nonché delle vicende dell’archivio stesso. Questo consentirà la realizzazione dell’introduzione storica e metodologica all’inventario d’archivio.
Effettuata la schedatura delle singole unità archivistiche (fascicoli e registri), si è passato al riordino dell’insieme della documentazione.
In sintesi le operazioni realizzate sulle carte possono essere così riassunte:
- esame dei contenuti delle singole unità, in particolare fascicoli;
- schedatura del contenuto dei fascicoli e dei registri e successiva normalizzazione di dati ed elementi descrittivi;
- ricostruzione della struttura dell’archivio storico in base alle unità archivistiche esaminate;
- riordino dell’insieme della documentazione;
- inserimento dei dati sul programma di archiviazione (Sesamo 4.1);
- apposizione della segnatura archivistica e stampa.
La collocazione fisica delle unità archivistiche nell’ordine definitivo avverrà sulla base degli esisti del lavoro di riordino e inventariazione, e secondo il numero di corda assegnato a ciascuna unità.
Momento finale dell’intero processo di riordino dell’archivio sarà la stesura e l’elaborazione dell’inventario e degli indici su supporto informatico.
In sintesi le operazioni riconducibili alla redazione dell’inventario possono essere così schematizzate:
- preparazione delle introduzioni storica e tecnico - archivistica;
- redazione definitiva delle descrizioni archivistiche;
- preparazione degli indici di persone, enti e istituzioni, luoghi;
- stampa finale dell’inventario;
- preparazione delle etichette definitive e loro apposizione sulle unità inventariate;
- consegna dell’inventario cartaceo e su sopporto informatico.

Avviato nel 2006 il primo lotto dei lavori ha avuto come oggetto circa 40 faldoni di documentazione dell'archivio del Comune di Sospiro. Il lavoro di riassetto è consistito nell'ordinare le pratiche/fascicoli e nel redigere un inventario dettagliato descrittivo dei diversi contenuti che ne consentirà la consultazione e ne agevolerà la lettura.
I materiali documentari lavorati riguardano le acque e le strade, l'anagrafe e il censimento, l'agricoltura, industria e commercio e la beneficenza. Questa attività è stata effettuata, contestualmente, al lavoro di pulizia, su tutti i faldoni.
Sono proseguite nell'anno 2007, le operazioni di pulitura, ordinamento, schedatura della documentazione e informatizzazione dei dati dell'archivio storico del Comune di Sospiro.
I titoli presi in esame, durante questo periodo, sono i seguenti:
- il titolo V Cimiteri 
- il titolo VI Consigli comunali
- il titolo VII Contabilità comunale
- il titolo VIII Culto
- il titolo IX Debiti e crediti
- il titolo X Edilizia comunale
- il titolo XI Elezioni
- il titolo XII Esattoria.

Il terzo lotto dei lavori, attualmente in corso d'opera, ha come oggetto di intervento il materiale documentario del Comune di Sospiro e precisamente:
- il titolo IX Debiti e crediti
- il titolo XV Giustizia
- il titolo XVII Impiegati e salariati
- il titolo XVIII Istruzione pubblicazioni
- il titolo XIX Leva
- il titolo XXIV Stato civile

Gli ultimi due lotti prevedono il riordino e l'inventariazione degli archivi dei cessati Comuni di Longardore e San Salvatore e gli archivi aggregati. Il lavoro archivistico è stato ed è di paziente recupero prima che di riordino e analisi delle carte. Molto si è salvato. L'archivio storico così ordinato si avvia a divenire strumento di conoscenza, oggetto di indagine e di promozione culturale.

L'archivista
dott.ssa Mondoni Daniela

Notizie

29 Ottobre 2018
"EXIT A SOSPIRO"
Unione Terrea Nobilis, Comune di Sospiro
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Sospiro sta patrocinando il Progetto Next Theatre che prevede  una serie di incontri tra laboratori e...
25 Settembre 2018
DOTE SPORT 2018
Unione Terrea Nobilis, Comune di Cella Dati, Comune di Derovere, Comune di Sospiro
DOTE SPORT 2018 è un contributo per sostenere i costi sostenuti per le attività sportive dei minori di età compresa fra 6 e 17 anni compiuti o da...
1 Settembre 2018
GITA 20 SETTEMBRE 2018 GRAZZANO VISCONTI E VILLA VERDI
Unione Terrea Nobilis, Comune di Sospiro
L' ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI IN COLLABORAZIONE CON I CENTRI RICREATIVI ORGANIZZA VISITA GUIDATA A GRAZZANO VISCONTI E VILLA VERDIGIOVEDI' 20...